② Le Tre Grazie: dal Rinascimento al Settecento


In due sole immagini, la prima che riproduce nell’ornamento delle mura al Museo Correr [Venezia] il tema classico delle ① tre Grazie; e la seconda, curiosi suppellettili con ② figurine erotiche in legno, si può sintetizzare la mitologia sensista della corte italiana dal Rinascimento al settecento.

Le Tre Grazie                  

Per le Grazie rimando allo squisito studio di Edgar Wind, Misteri pagani del Rinascimento, edito da Adelphi. Le figurine in legno meritano una particolare attenzione: fanno parte di quell’artigianato così in voga nel settecento – si pensi alle porcellane che raffigurano le più diverse situazioni, dalla vita quotidiana dei cortigiani, la caccia al cervo o al cinghiale, fino a raffinate riproduzioni di temi classici e spassosi, fauni eccitati che importunano ninfette – tuttavia solo di rado l’artigiano si spingeva così avanti nell’allusione. L’erotismo di queste forme rimanda direttamente ai dēva del pantheon indù: lì queste anonime e prosperose figure femminili prendono il nome di Lakshmi o Pravati, mogli divine.

 [Acknowledgements: lotussculpture.com]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: